Skip to main content

L’educazione alimentare a scuola – Dott.ssa Francesca Adami

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo contributo alla campagna #mensepiusane:

L’educazione alimentare è unanimamente considerata dagli attuali orientamenti nazionali ed europei un argomento di ampio interesse, rappresenta infatti un importante strumento in grado di influenzare positivamente lo sviluppo e la crescita dei bambini, che sono destinati ad essere gli adulti del futuro.

È necessario che l’ambiente scolastico, all’interno del quale i nostri bambini trascorrono la maggior parte del loro tempo, possa promuovere attraverso progetti differenti l’acquisizione di un corretto stile di vita in termini di alimentazione bilanciata ed adeguato esercizio fisico.

Educazione alimentare
Immagine da: prefereedmeals.com

Rispetto all’interesse delle diverse comunità scientifiche per la promozione di comportamenti alimentari corretti, è giusto che la scuola accolga con entusiasmo i diversi progetti di educazione alimentare nella pratica educativa dell’anno scolastico.

La proposta di una campagna di educazione alimentare rappresenta una sfida particolarmente impegnativa per la scuola: già a livello della scuola primaria infatti, i bambini hanno sviluppato nei confronti del cibo abitudini, preferenze e pregiudizi.

D’altro canto, sappiamo quanto rapidamente i piccoli possano apprendere nuove informazioni e modificare il proprio stile di vita in breve tempo e, cosa di maggior importanza, sappiamo che le nuove abitudini adottate fin dalla tenera età, in termini di scelte alimentari consapevoli, contribuiranno ad ampliare l’esperienza e il rapporto positivo nei confronti del cibo e della dieta.

Ulteriore valore aggiunto da considerare, è che i bambini sono in grado di influenzare la vita dei genitori stessi: l’obiettivo ultimo potrebbe proprio essere quello di promuovere, attraverso il giovane, una cambiamento di stile di vita direttamente nell’ambiente familiare.

Dott.ssa Francesca Adami 
Nutrizionista, Specialista in alimentazione e nutrizione umana

Rispondi